La gioventù del “Don Calabria”

L’Istituto don Calabria, sin dalla sua nascita a Verona nel 1907, si è occupato di offrire accoglienza, aiuto e sostegno agli “ultimi”, con particolare attenzione ai giovani. Negli anni, l’Opera si è diffusa in tutto il mondo e dal 1986 è presente a Termini Imerese (PA), dove attualmente svolge diverse attività di prevenzione e cura.

Nello specifico:

  • La Comunità Terapeutica S. Onofrio con la cura e la riabilitazione di soggetti tossicodipendenti;
  • Il Centro Polifunzionale per l’infanzia, l’adolescenza e la famiglia S. Pietro e S. Lucia con il sostegno a famiglie multiproblematiche, la prevenzione del disagio socio-culturale e la promozione del benessere psicofisico;
  • La Comunità Alloggio Don Calabria con l’accoglienza e l’accompagnamento educativo di adolescenti in situazione di disagio;
  • Il Gruppo Appartamento “Mediterraneo … Insieme” con il supporto a giovani maggiorenni nella progettazione e gestione di un percorso di vita autodeterminato.

LA COMUNITA’ ALLOGGIO “DON CALABRIA”

La comunità alloggio è nata per rispondere al bisogno di creare un luogo di riferimento educativo, affettivo e di supporto, per quei minori adolescenti che si trovano in una condizione di estremo disagio sociale e familiare e che necessitano di un ambiente educativo e di guida sano e “significativo”.

Accoglie ragazzi maschi dai 14 ai 18 anni, segnalati dal Tribunale per i Minorenni sia in ambito civile che penale.

La mission che sostiene, motiva e anima il complesso lavoro all’interno della comunità alloggio è riassumibile nelle parole del fondatore dell’Opera, San Giovanni Calabria:

“La gioventù porta scritto in fronte:

sono di chi mi piglia.

Guai a noi, quale tremenda responsabilità,

se non ce ne prendiamo cura!”

Forti di questa motivazione, circa quattro anni fa, la comunità ha aperto le porte a minori stranieri non accompagnati, che fuggono da situazioni di povertà e guerra e giungono in Italia nella speranza di poter costruire una vita migliore.

Confrontarsi con questi ragazzi ha significato aprire la comunità e fare costantemente i conti con le nuove povertà, con gli ultimi del mondo e con tutto ciò che i ragazzi portano con sé, tanti sogni e anche tanta disperazione, belle esperienze vissute nei loro paesi accanto a dolori “indicibili”, storie raccontabili e vite inenarrabili. La comunità in tal modo, ha intrapreso una nuova strada, reinventandosi e ricostruendosi con nuove misure e dimensioni, attraverso un lungo e difficile lavoro che gli operatori hanno dovuto affrontare in prima persona,  imparando ad ascoltare in un modo nuovo per dare nuove risposte. Attualmente vi sono ospitati un gruppo di giovani provenienti dal Bangladesh e dalla Somalia arrivati in Italia con gli ormai “famosi” viaggi della speranza attraversando anche per parecchi mesi diversi Stati  su mezzi di fortuna ed infine la classica traversata su barconi,stracolmi,verso l’Italia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...